la storia di BESJANA

 

il viaggio:

luglio - agosto 2015

 

 

 

Una bombola d'ossigeno di troppo

 

Besjana è uno scricciolo di donna di 10 mesi, la maggior parte dei quali trascorsi attaccata ad una bombola d'ossigeno che qualche medico kosovaro le aveva prescritto, senza preoccuparsi di verificarne la necessità a distanza di tempo. Questo particolare ha complicato non poco il suo arrivo in Italia, perché nessuno riusciva a comprendere la necessità di tale supporto e la patologia che ne richiedeva il continuo utilizzo.

 

Nata in una famiglia povera ma molto dignitosa, Besjana è stata diagnosticata cardiopatica solo all'età di tre mesi, in uno dei numerosi ricoveri di cui ha necessitato a causa di ripetute infezioni respiratorie. Il suo caso ci era stato segnalato a fine marzo da Dona, zia di Lorisa, che - conquistata dai suoi occhioni - si era impegnata per trovare una soluzione ai suoi problemi di salute.

 

Abbiamo seguito Besjana per diversi mesi e non abbiamo avuto incertezze nel portarla tempestivamente a Verona quando è stato manifesto che le alternative intraprese dalla famiglia non avrebbero portato ad alcuna soluzione. A nostro avviso, era per lo meno doveroso inquadrare la bimba dal punto di vista diagnostico ed individuare quali soluzioni erano percorribili per liberarla dalla bombola d'ossigeno.

 

A tenerci costantemente aggiornati sulle condizioni di Besjana c'era sempre Dona. Emblematico il suo messaggio del 28 maggio ... che ha di fatto dato il via alla macchina organizzativa della nostra Associazione.

 

 

Dear Michele

Attached you can see photo of Besjana today. I feel sad to see her today. She looks bad than before or than in photo of passport.  She was tired but tried to smile to me when I talked to her.

Please do something for her as soon as possible.  She is really tired, and really need help.

Best regards
Dona

28 maggio 2015
 

 

Besjana è così giunta a Verona il 4 luglio, accompagnata da mamma Qendresa, raggiante all'idea che alla sua bimba venisse finalmente dedicata quell'attenzione così a lungo ricercata. Sono stati sufficienti 2 giorni di monitoraggio in Pediatria e le attenzioni professionali ed umane dei nostri medici per staccare la piccola dall'ossigeno!!! Lo scompenso cardiaco creato dalla sua malformazione congenita poteva essere curato fin dall'inizio con una semplice terapia farmacologica, senza costringere la piccola a quella sorta di guinzaglio che la relegava tutta la giornata su un letto. Indescrivibile lo sguardo meravigliato della mamma nel vedere la sua bimba resa così facilmente autonoma nel respiro.

 

Ripuliti i polmoni dalle secrezioni di tanti mesi difficili, il 10 luglio Besjana è stata sottoposta all'intervento cardiochirurgico di cui necessitava il suo cuoricino, sottoposto troppo a lungo ad un lavoro faticoso e innaturale. Tutto è andato per il meglio e il post-operatorio è scivolato via senza problemi. In 3° giornata la bimba passava in terapia intensiva pediatrica e il giorno dopo in pediatria. Qui si è fermata solo pochi giorni, perché l'energia, l'appetito e i sorrisi manifestati sono stati emblematiche dimostrazioni di un ottimo recupero.

 

Il 18 luglio la bimba è stata così accolta nella nostra Casetta dei Sorrisi, dove ha completato la sua convalescenza. E' stata l'occasione per aiutare la mamma nell'affinare lo svezzamento della sua piccola e, con una alimentazione più adeguata e completa, aiutarla nella crescita.

 

I controlli clinici pre-rimpatrio sono stati una doverosa formalità, perché la bimba ha mostrato giorno dopo giorno una salute in progressivo miglioramento e rafforzamento. Emozionante è stato il momento in cui da sola ha conquistato la posizione eretta sul suo lettino, aiutandosi con la sola forza delle sue braccia !!!

 

 


guarda il video dell'impresa sulla nostra pagina facebook
  

 

 

Il 1° agosto Besjana e mamma Qendresa sono così tornate a casa, dove ad attenderle c'era il papà che alla vista della sua bambina è rimasto incredulo. La piccola è tornata a casa con in dono un lettino, completo di materasso e cuscino, uno stock di farine e omogeneizzati e un corredo di vestitini per i prossimi mesi, piccole attenzioni per garantirle una miglior qualità di vita.

 

La nostra Associazione seguirà la bimba con particolare attenzione, affinché non le manchino quelle cose essenziali per una sua corretta crescita.

 

Ciao Besjana !!!

 

aggiornamento del 01.08.2015

 

 

 

 

la storia di Besjana è stata raccontata

anche sul quotidiano

L'Arena di Verona del 10 agosto 2015

  

 

 

 

 

***

 

 

PHOTOBOOK

 

 

 

4 luglio 2015 - l'arrivo a Verona



5 luglio 2015 - lo sguardo affaticato



24 luglio 2015 - pacifica attesa di un controllo



28 luglio 2015 - intrecci di mani



28 luglio 2015 - il saluto al cardiochirurgo



1 agosto 2015 - ce l'abbiamo fatta !!!



1 agosto 2015 - incontenibile felicità



1 agosto 2015 - ciao tesoro !!!