la storia di DORINA

 

il 3° viaggio:

settembre 2015

 

 

 

 

1° viaggio          2° viaggio

 

 

Il viaggio della verità

 

A distanza di un anno dal suo precedente viaggio, il 9 settembre Dorina è tornata al Castello dei Sorrisi per una rivalutazione complessiva del suo stato di salute e dell'anemia emolitica autoimmune che ha complicato non poco i primi anni della sua vita.

 

Proprio un anno fa, qui a Verona era stata sottoposta ad una terapia innovativa che avrebbe dovuto proteggerla per circa 12 mesi dalle crisi cui in passato era soggetta, che la costringevano ad immediati quanto angosciosi trasferimenti nella vicina Macedonia per le trasfusioni di sangue.

 

Questi 12 mesi sono trascorsi tranquilli, senza alcun problema ... la terapia è risultata veramente efficace e il risultato lo abbiamo apprezzato ritrovando una bambina cresciuta, sorridente e serena.

 

Il giorno dopo l'arrivo, Dorina è tornata in ospedale dove ad attenderla c'era la dottoressa ormai da 2 anni la segue con continuità; lei stessa, guardando anche i risultati delle prime analisi, è rimasta estremamente soddisfatta della condizione della sua piccola paziente ... tanto da ipotizzare anche il fatto, che sarebbe straordinario, di una remissione della malattia.

 

I successivi controlli sono hanno confermato le buone impressioni, anche se la tipicità del problema di Dorina richiederà anni prima di avere la certezza che la malattia è scomparsa. Quindi, pur in modo più rilassato, la piccola continuerà ad essere controllata con continuità e tornerà a Verona fra 12 mesi per un nuovo check diagnostico.

 

Dorina e la sua mamma sono tornate a casa il 19 settembre; l'auspicio di tutti è di non rivederle a Verona prima di un anno ... significherebbe un altro lungo periodo trascorso senza problemi di salute e un ulteriore allontanamento dalla data dell'ultima crisi.

 

Ciao Dorina !!!

aggiornamento del 19.09.2015

 

 

 

 

 

***

 

 

PHOTOBOOK

 

 

 

13 settembre 2015 - divertimento al parco giochi




13 settembre 2015 - Dorina con la nostra Chiara