la storia di LUM

 

 aprile - maggio 2017

 

 

 

 

 

 

Un arrivo complicato

 

Lum è un bimbo kosovaro di 6 mesi, nato con una cardiopatia congenita non complessa ma che lo ha messo rapidamente in difficoltà, a tal punto da rendere necessaria l'organizzazione di un rapido trasferimento a Verona.

 

A inizio aprile, la famiglia di Lum ci aveva manifestato la preoccupazione per il suo continuo pianto e ci aveva mandato un filmato in cui era evidente la sua difficoltà respiratoria. La macchina organizzativa del Castello si era prontamente attivata per organizzare l'arrivo del piccolo a Verona, ma complicazioni burocratiche avevano impedito a mamma Marigona di ottenere il visto d'ingresso in Italia.

 

In meno di 36 ore, pur dispiaciuti per la separazione forzata tra madre e figlio, abbiamo sostituito mamma Marigona con zia Sanija e il piccolo Lum è così potuto arrivare a Verona il 15 aprile. Il ricovero è stato immediato in terapia intensiva pediatrica, dove le amorevoli e competenti cure dei nostri medici hanno ridimensionato lo scompenso cardiaco e preparato il bimbo all'intervento cardiochirurgico. Il ritrovato benessere di Lum è stato evidente quando quel pianto continuo e lamentoso, dovuto alla stanchezza e alla sofferenza, ha lasciato il posto a stupendi sorrisi e ad una condizione complessiva di serenità.

 

Lum è stato operato il 20 aprile, un intervento durato 6 ore e conclusosi con successo. Il piccolo ha poi trascorso la sua prima convalescenza tra la terapia intensiva cardiochirurgica e pediatrica, dove è stato progressivamente "liberato" da cateteri, tubicini e farmaci di supporto.

 

Giunto in Pediatria, i medici hanno dovuto dedicare particolare attenzione all'aspetto nutrizionale perché il bimbo, giunto poco cresciuto e sottopeso a causa della sua cardiopatia, faticava ad alimentarsi e a trovare quel giusto ritmo di crescita che pian piano lo doveva portare a recuperare quanto lasciato per strada nei suoi primi difficili mesi di vita. Per questo motivo, ad un certo punto è subentratala nostra volontaria Iole, che negli anni ha fatto grande esperienza proprio con i bambini che necessitano di qualche attenzione in più per riprendere a crescere.

 

Lum e zia Sanija sono stati quindi ospitati a casa di Iole per tutta la convalescenza, trovando nell'attenzione e nello spirito di accoglienza della nostra volontaria la giusta atmosfera per ripartire. E così è stato, con le successive visite di controllo che hanno evidenziato un bimbo in recupero e crescita tale da costringere i medici a limare la dieta inizialmente prevista.

 

Lum è tornato a casa il 17 maggio, senza necessità di terapia farmacologica di supporto o di controlli a breve. Ad attenderlo in aeroporto i suoi genitori, impazienti di riabbracciare il loro cucciolo finalmente in salute.

 

Ciao Lum !!!

aggiornamento del 17.05.2017

 

 

 

 

 

***

 

 

PHOTOBOOK

 

 

 

15 aprile 2017 - benarrivato Lum !!!




15 aprile 2017 - la dolce accoglienza di Barbara




15 aprile 2017 - primi controlli ...




15 aprile 2017 - ... e la sistemazione in terapia intensiva pediatrica !!!




19 aprile 2017 - pronto per l'intervento !!!




28 aprile 2017 - si torna a sorridere !!!




8 maggio 2017 - visita di controllo ... e tutto va bene !!!




12 maggio 2017 - sosgni d'oro !!!




14 maggio 2017 - in braccia sicure !!!



15 maggio 2017 - grazie di cuore Dr. Stiljan !!!



15 maggio 2017 - le protettrici del mio cuore !!!




17 maggio 2017 - verso l'aeroporto !!!




17 maggio 2017 - baci e abbracci !!!




17 maggio 2017 - concentrazione per un selfie in volo !!!