la storia di SARAH

 

il viaggio:

 giugno - luglio 2017

 

 

 

 

 

 

Una corsa contro il tempo

 

Sarah è una bimba moldava di 6 mesi portata all'attenzione della nostra associazione perchè nata con 2 malformazioni cardiache che col tempo l'hanno messa progressivamente in difficoltà per la respirazione e l'alimentazione e di fatto una bloccato la sua crescita.

 

Accompagnata da mamma Doina, la piccola è giunta a Verona decisamente affaticata, incapace ormai di succhiare il latte dal biberon e per questo dotata di sondino nasogastrico permanente; ci ha colpito e commosso anche il suo continuo piagnucolare, sintomo di una condizione di sofferenza che richiedeva un tempestivo intervento.

 

Subito affidata ai nostri medici per l'inquadramento clinico, la piccola è stata prioritariamente sottoposta a cateterismo cardiaco e il 1 giugno è stata infine sottoposta ad intervento cardiochirurgico, per correggere in un'unica soluzione i 2 difetti congeniti.

 

L'operazione, benché lunga, e il successivo post-operatorio in terapia intensiva cardiochirurgica sono filati via lisci senza complicazioni; il 6 giugno, svezzata dal respiratore e liberata dai drenaggi, è stata quindi trasferita nel reparto di terapia intensiva pediatrica.

 

Lì la sua convalescenza, tranquilla dal punto di vista cardiologico, è stata invece prolungata e appesantita da un'infezione gastro-intestinale particolarmente aggressiva, che ha costretto i medici anche a metterla in isolamento e ci ha impedito di dare ogni tanto alla mamma una sostituzione per riposare e cambiare aria.

 

Facendo leva sulla nostra esperienza quasi decennale, abbiamo cercato di sostenere mamma Doina con visite frequenti e parole di incoraggiamento, affinché - per quanto sfibrata dalla lunga degenza - riuscisse a stimolare la sua piccola e ad esserle vicino sempre col sorriso.

 

Giunto finalmente il sospirato momento della dimissione, il 5 luglio - giorno del compleanno della sua mamma - Sarah è finalmente uscita dall'ospedale, portandosi però ancora dietro il sondino nasogastrico. Per questo motivo, abbiamo organizzato qualche giorno a casa della nostra volontaria Iole, ormai esperta nel condurre progressivamente i bimbi operati al cuore ad alimentarsi autonomamente.

 

E anche con Sarah è stata una scelta azzeccata, perché la grinta e gli stimoli con cui Iole ha approcciato la piccola hanno portato in 3 giorni il pasto per bocca da 50 a 100 cc ... e quindi alla decisione di sfilare per sempre quel fastidioso sondino! Contemporaneamente, mamma Doina ha potuto riposarsi e imparare da Iole come gestire la sua bambina, senza l'assillo di quanto e come mangiasse.

 

Ad inizio agosto, gli ultimi controlli cardiologici e pediatrici sono stati una formalità. Dopo aver festeggiato la conclusione di questo viaggio umanitario con una bella cena a cui hanno partecipato tante persone che si sono impegnate per la piccola, Sarah e mamma Doina sono finalmente volate a casa l'11 agosto, col cuore pieno di gratitudine per tutto l'aiuto e l'affetto ricevuto.

 

Ciao Sarah !!!

 

aggiornamento del 11.08.2017

 

 

 

 

 

***

 

 

PHOTOBOOK

 

 

 

19 giugno 2017 - la lunga convalescenza ... ma col sorriso !




19 giugno 2017 - amore di mamma !




5 luglio 2017 - a casa di Iole !




7 luglio 2017 - totale relax !




7 luglio 2017 - tra le braccia di zia Iole !